Seleziona la lingua
  • Italiano
  • English
  • Deutsch
  • Español
  • Français
Il carrello è vuoto
close

I segreti del successo

24 novembre 2021
I segreti del successo

Il 2021 ciclistico è finito da un pezzo, ma la stagione 2022 comincerà prima che te ne accorga.

I corridori Campagnolo stanno facendo una gran bella preparazione… ce ne parla David Herrero della UAE Team Emirates.

Campagnolo supporta e collabora con team professionistici in tutto il mondo, tra cui quattro delle migliori squadre WorldTour: UAE Team Emirates, Cofidis, Lotto-Soudal e AG2R Citroen Team.

Siamo a metà Novembre e la maggior parte dei nostri atleti si sta godendo un meritato riposo prima di ricominciare a correre nel 2022.

A prepararsi alla nuova stagione è anche lo staff di esperti che lavora dietro le quinte di ogni team, impegnato nella ricerca e nella messa a punto di tecniche per migliorare il rapporto tra atleta e componenti all’avanguardia, come il gruppo Super Record e le ruote Bora Campagnolo.

 

 

Fra loro c’è David Herrero.

L’ex corridore 42enne ha ora assunto un ruolo tecnico all’interno della UAE Team Emirates.

Prima di appendere le scarpe al chiodo nel 2009, il basco ha corso per diverse squadre, tra cui Euskaltel-Euskadi.

Herrero è oggi parte integrante del team di esperti che ha il compito di guidare corridori del calibro di Tadej Pogacar (due volte vincitore del Tour de France), Fernando Gaviria e Marc Hirschi verso un inizio di stagione brillante allo UAE Tour di Febbraio.

Abbiamo incontrato Herrero per scoprire in cosa consiste il suo lavoro.

 

 

Qual è il tuo ruolo nella squadra?

 

Il mio ruolo nel team è cercare di ottimizzare le prestazioni dei corridori in termini di biomeccanica ed aerodinamica. Ciò significa prendersi cura di ogni dettaglio, dal materiale utilizzato per le bici alla posizione ottimale del corridore per la prossima stagione.

 

Sei una new entry in questa squadra, vero?

 

Già! Questa sarà la mia prima intera stagione con la UAE Team Emirates. Prima, però, ho già lavorato con diverse squadre e ciclisti professionisti nel campo della bio e aerodinamica.

Cercherò di fare il mio lavoro al meglio anche qui.

 

 

Quando inizia il periodo di riposo per una squadra?

 

Il riposo comincia dopo la lunga stagione delle corse. Qui la squadra inizia a preparare i corridori individualmente in vista del primo vero ritiro invernale che ha luogo a gennaio.

È al ritiro che, prima di tutto, ci concentriamo sull’ottimizzazione della postura di ogni corridore in bicicletta, in modo da ridurre gli infortuni e migliorare le prestazioni.

Lo step successivo è quello di curare gli aspetti aerodinamici sulle bici da crono, al velodromo. Campagnolo sa bene quanto sia importante curare l'aerodinamica per ottenere prestazioni ottimali.

 

Campagnolo sa bene quanto sia importante curare l'aerodinamica per ottenere prestazioni ottimali. In cosa consiste il vostro lavoro in questo campo?

 

La cosa fondamentale è calcolare il Cd (coefficiente di resistenza aerodinamica) del corridore, in modo da poterci lavorare per migliorarlo. Lo misuriamo sia nel velodromo (usando la telemetria) che in galleria del vento.

Di solito, ciò su cui lavoriamo di più è l'ottimizzazione dell'aerodinamica dei ciclisti che sono specialisti delle prove a cronometro o che puntano a fare classifica.

Ciò non toglie che tutti i nostri atleti siano importanti e per questo cerchiamo di lavorare con ognuno di loro, utilizzando soprattutto il sistema di telemetria al velodromo.

 

 

Quali criteri di prestazione testate in galleria del vento?

 

Ogni dettaglio conta, quindi analizziamo tutto, il posizionamento, l’abbigliamento, le ruote Campagnolo più adatte, i materiali e gli pneumatici di diversa misura.

Il confronto dei dati forniti dai test in galleria del vento e dal sistema di telemetria del velodromo ci consente di massimizzare ogni aspetto, sia della bici che del ciclista.

 

Puoi dirci di più sul sistema di telemetria?

 

Con il nostro sistema di telemetria misuriamo la potenza e la velocità dei corridori in tempo reale e combiniamo queste informazioni con dati fissi come umidità, temperatura e peso del ciclista in questione.

Questo ci permette di eseguire un'analisi del Cd dei nostri atleti in tempo reale, testando in modo dinamico diverse posizioni o materiali.

 

 

Quali altri test esegue il team?

 

Eseguiamo test biomeccanici servendoci di un'accurata telecamera 3D e di un sistema di analisi della pedalata (anche questo in 3D). Ci assicuriamo, inoltre, che le scarpe utilizzate siano le più adatte tramite un sistema di mappatura della pressione del piede.

Ho realizzato che lavorare con ciclisti professionisti mi dà la possibilità di crescere come biomeccanico. Si impara sempre qualcosa di nuovo.

 

Infine, quanto è importante l'off-season per ogni corridore?

 

Il periodo di riposo è il momento perfetto per gettare le basi di una stagione di successo. È il lavoro che si fa in questo periodo che fa la differenza. È un lavoro “invisibile”, chiaramente.

Ma si sa: dietro ogni vittoria c'è sempre una buona preparazione.

 

Questo sito utilizza i cookies per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile, nonchè per finalità commerciali e di pubblicità. Se procedi con la navigazione sul sito senza disabilitarli, ci autorizzi l'invio e l'utilizzo di cookie sul tuo dispositivo. Per leggere la nostra politica in materia di cookie, clicca qui.