Seleziona la lingua
  • Italiano
  • English
  • Deutsch
  • Español
  • Français
Il carrello è vuoto
close

Anteprima Mondiali su strada UCI 2021

13 settembre 2021
Anteprima Mondiali su strada UCI 2021

Alla scoperta dei corridori Campagnolo che cercheranno di lasciare il segno nelle Fiandre.

La centesima edizione dei Campionati del mondo di ciclismo su strada si svolge nella culla di questo sport - le Fiandre - tra domenica 19 e domenica 26 settembre. Nell'arco di otto giorni, 11 saranno le (tanto sognate) maglie iridate che verranno assegnate ai corridori di tutto il mondo.

L’evento prende il via domenica 19 settembre con la cronometro individuale maschile di 43,3 km. La prova parte dal Mare del Nord, passa attraverso il centro di Knokke-Heist, per poi dirigersi più a sud e concludersi Bruges.

Il resto della settimana è così suddiviso: cronometro individuale elite maschile U23 e cronometro individuale elite femminile (lunedì 20 settembre); cronometro individuale junior femminile e cronometro individuale junior maschile (martedì 21 settembre); cronometro a squadre staffetta mista (mercoledì 22 settembre); gara in linea maschile junior e gara in linea maschile U23 (venerdì 24 settembre); gara in linea femminile junior e gara in linea femminile elite (sabato 25 settembre); e, come ultimo appuntamento la corsa su strada elite maschile che si svolgerà domenica 26 settembre.

È proprio su quest’ultima prova che vogliamo concentrarci, individuando quali sono i corridori Campagnolo che si batteranno per l'oro. (Campagnolo è fornitore di ruote e gruppi per la UAE Team Emirates, la Lotto-Soudal e l’AG2R Citroen Team, e di sole ruote per Cofidis - anche se è importante ricordare che i ciclisti Campagnolo questa volta gareggeranno per le loro nazionali invece che per i loro team WorldTour).

 

POGACAR PUNTA A VINCERE LA PRIMA MAGLIA IRIDATA

 

 

La corsa su strada elite maschile consiste in un percorso lungo ben 268,3 km, che inizia ad Anversa e termina a Lovanio. In questa prova tutta fiamminga, i corridori affronteranno 42 salite, per un totale di 2562 metri di dislivello.

Si tratta esattamente del tipo di percorso che ci si aspetterebbe da una classica belga di un giorno.

Tadej Pogacar guiderà la carica slovena nella corsa su strada, utilizzando il gruppo Campagnolo Super Record EPS insieme alle ruote Bora Ultra WTO.

Pogacar è ancora al settimo cielo dopo aver mantenuto il suo titolo al Tour de France, seguito dal bronzo nella corsa su strada olimpica di questa estate.

Dopo Tokyo si è goduto una bella pausa e la sua condizione rimane ad oggi un mistero. Quello che sappiamo è che Pogacar sta diventando più forte ogni anno che passa.

Ha vinto la sua prima monumento ad aprile, alla Liegi-Bastogne-Liegi, che si è svolta su un percorso di 259,5 km, situato a meno di 10 km dal percorso delle Fiandre.

È forse questo il momento giusto per vincere la sua prima maglia iridata?

 

HIRSCHI E COSNEFROY POTREBBERO SORPRENDERE

 

 

Sarà Marc Hirschi a guidare la nazionale svizzera quest’anno. Tra i suoi obiettivi quello di fare meglio rispetto allo scorso anno, quando è arrivato terzo ad Imola, in Italia.

Solo due anni prima, Hirschi aveva vinto il titolo mondiale U23 a Innsbruck. Il 23enne è un corridore molto forte e adatto alle corse di un giorno. Ha già La Flèche Wallonne nel suo palmares.

Per quanto riguarda la sua forma fisica, possiamo dire che è sicuramente buona, dato che è arrivato quinto alla Brussels Cycling Classic di agosto.

Per quanto riguarda la squadra francese invece, tutti gli occhi sono puntati sul campione del mondo in carica Julian Alaphilippe.

Attenzione però. C’è anche Benoit Cosnefroy dell'AG2R Citroen Team, la cui condizione fisica è davvero ottima in questo momento della stagione.

 

 

Il 25enne aveva sempre vinto molte gare nel suo paese d'origine, la Francia, senza mai conquistare vittorie a livello WorldTour. I giochi sono però cambiati a fine agosto, quando Cosnefroy ha superato Alaphilippe nello sprint ed è andato a vincere la Bretagne Classic.

Il percorso lungo 251 km della Bretagne Classic era caratterizzato da un profilo ondulato, capace di mettere in luce quanto Cosnefroy possa far bene su percorsi dal profilo simile alle classiche di primavera.

Inoltre Cosnefroy ha già un titolo mondiale avendo vinto la corsa su strada under 23 del 2017.

Alaphilippe sarà sicuramente il corridore di punta per i francesi, ma se qualcosa dovesse andare storto, si potrà contare su Cosnefroy.

 

TRENTIN VUOLE FARE MEGLIO

 

 

L'italiano Matteo Trentin è una delle ruote veloci del gruppo e il percorso di Lovanio potrebbe fare al caso suo. Ai Mondiali, il 32enne è arrivato ben due volte tra i primi cinque - fu secondo nella piovosa edizione del 2019 in Yorkshire.

Ad Harrogate infatti perse per un pelo nello sprint finale contro Mads Pedersen. 

"Ho ancora un affare in sospeso ai Mondiali", ha commentato Trentin durante un ritiro con l’UAE Team Emirates all'inizio di quest'anno. “Spero di chiuderlo quest'anno. Mi piace il percorso fiammingo. È impegnativo e tortuoso. Sono queste le strade che mi affascinano”.

 

CORRIDORI CHE POTREBBERO SORPRENDERE

 

 

Ci sono anche un paio di veterani che potrebbero fare scintille a questi Mondiali, vale a dire Alexander Kristoff e Rui Costa.

Il trentaquattrenne Kristoff è uno dei migliori ciclisti norvegesi e ha vinto due Monumento e quattro tappe al Tour de France. Nelle ultime due stagioni ha dimostrato di avere ancora tanta velocità nelle gambe, vincendo la prima tappa del Tour de France 2020 e la classifica a punti della Arctic Race of Norway di quest'anno.

Il suo terzo posto al Giro delle Fiandre 2020 conferma la sua ottima forma fisica.

 

 

Veniamo al corridore portoghese Costa: è arrivato settimo in assoluto al Tour de Suisse di quest'anno e secondo al Grand Prix of Aargau Canton. Ha anche vinto i campionati nazionali lo scorso 2020.

Costa potrebbe addirittura riprendersi la maglia iridata che ha vinto nel 2013: questa sì che sarebbe una sorpresa!

Ma nel ciclismo su strada tutto può succedere, specialmente ai Mondiali.

Una cosa è certa, non saremo in grado di distogliere lo sguardo dalla corsa per un solo minuto.

Questo sito utilizza i cookies per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile, nonchè per finalità commerciali e di pubblicità. Se procedi con la navigazione sul sito senza disabilitarli, ci autorizzi l'invio e l'utilizzo di cookie sul tuo dispositivo. Per leggere la nostra politica in materia di cookie, clicca qui.